SERVIZIO CLIENTI: 0143-1509770

Benvenuto su Onlywood

Consigli sui tipi di legno per le staccionate in pali

Stai pensando ad una recinzione in legno per il tuo spazio esterno ma non trovi un'idea precisa di cosa ti serve? Grazie alla nostra esperienza dal 2001 cerchiamo di fare un pò di chiarezza.

Innanzitutto su lnome: ogni produttore o negozio chiama questi elementi in modo diverso, volendo provare a dare una logica possiamo dire che:

Per staccionata  o palizzata solitamente si intende una divisione semplice, realizzata con pali in legno di diametro variabile , con montanti verticali di altezza 100 - 150 cm. e traverse orizzontali dritte o a Croce con lunghezza tra i 150 e 200 cm.
Per recinzione si intende una divisione che utilizza sia elementi in legno, ovvero montanti verticali ed eventualmente traverse di rinforzo, che una rete in metallo o plastica.
Per steccato di solito si intende un tipo di divisione più chiusa, disponibili in vari modelli, dai classici steccati con palette verticali arrotondate in testa stile western fino a steccati con design più particolari.

Per quanto rigarda le staccionate capita spesso di rivecere richieste e domande su pali in legno per creare recinzioni da  esterno, spesso però senza che il cliente abbia un’idea chiara di ciò che vuole, dal tipo di legno e al budget. Facciamo un pò di chiarezza sui tipi di legno più utilizzati in Italia per pali e semilavorati da esterno.

 

Capire quale tipo di legno scegliere

 

IL LEGNO DI PINO 

Il pino è il legno da esterno per eccellenza, utilizzato nei grandi brico, garden e vivai. Infatti è una conifera che cresce nell'Europa centrale e settentrionale ma viene acquistato in tutto il mondo esssendo la specie arborea più importante dal punto di vista econnomico. La sua crescita, molto lenta, lo rende particolarmente resistente ma allo stesso tempo anche un legno tenero, questo permette di assorbire molto bene i trattamenti protettivi.

Il legno di pino al naturale non è molto resistente agli agenti atmosferici. Per renderlo tale è necessario un particolare trattamento: l'impregnazione in autoclave. Questo tipo di trattamentoo consiste nella penetrazione di sali e miscele protettive nella parte più giovane e vulnerabile del tronco ed è finalizzato a rendere il pino resistente agli agenti atmosferici e ai raggi ultravioletti proteggendolo anche da funghi e insetti.

A questo punto il legno impregnato in autoclave assumerà la classica colorazione verdastra data dlala presenza del rame nel trattamento. Un'impregnazione fatta a dovere assicura la durata del manufatto in pino per più di dieci anni. A tal proposito il CEN (Comitato Europero di Normalizzazione) ha individuato diverse classi di impregnazione:

 

HC4  unica classe d'impregnazione garantita

 

I nostri pali in legno di pino hanno tutti certificazione HC4. Per conoscere la classe di impregnazione si può pretendere una certificazione della classe dichiarata (come nel caso dei nostri prodotti) o tagliare una fetta del palo ed osservare la sezione: il trattamento protettivo di colore verdastro deve arrivare più i profondità possibile, questo garantisce la durata ne tempo del vostro palo.

 

Garantita 15 anni

 

I PRINCIPALI COMPORTAMENTI DEL LEGNO TRATTATO IN AUTOCLAVE

Quando parliamo di trattamento, facciamo riferimento al fatto che il prodotto impregnato sia protetto da muffe e marcescenze per un certo periodo di tempo.
Ecco di seguito una lista dei fenomeni che si possono riscontrare ma che non possono essere considerati come difetti:

- Il riaffioramento dei sali: durante il processo di impreganzione in autoclave, i sali utilizzati per il trattamento possono portare alla comparsa di piccole macchie verdi sulla superificie del legno. Queste macchie non sono altro che residui di resina colorati dal rame utilizzato per il trattamento del legno e  non hanno nessuna conseguenza sul legno.

- I nodi: Dove cresceva un ramo il profilo mostra il nodo. Questi non costituiscono però difetto di qualità nell’ambito dei prodotti in legno da giardino.

- La differenza tra tinta e colorazione: il trattamento va a penetrare diffeerentemente i diversi strati di densità del legno provocando effetti di colorazione diversi che si attenueranno rapidamente una volta esposto il legno all'esterno

- Fessure e spaccature: Il legno essicato si comporta in maniera irregolare in funzione della sua densità variabile. Gli elementi esterni (temperatura, umidità dell’aria, esposizione al sole) sono elementi che fanno variare l’essicazione. Questo può provocare il manifestarsi di fessure soprattutto nei punti dove il legno ha subito il taglio assiale e longitudinale ( la resistenza meccanica rimane comunque immutata).

- Fresatura: si parla di fresatura ogni volta che un palo tondo irregolare viene lavorato, attraverso una fresatrice, in modo da ottenere un diametro costante. La “rifilatura” (il processo con cui si va a fare la punta al palo per facilitarne la messa a terra) non è sistematica e dipende dalla possibilità tecnica di realizzazione

- Fuori cuore: talvolta risulta necessario lavorare il prodotto all’interno della periferia del tronco al fine di ottenere un legno più stabile rispetto a quello vicino al cuore. Si parlerà in questo caso di taglio “fuori cuore”. Il cuore del tronco (sempre presente nei prodotti a base tonda) può causare la presenza di spaccature o fessurazioni più nette.

- Muffa: Alle alte temperature si può verificare sulle parti più robuste del legno, la comparsa di macchie scure chiamate “fungo dell’azzurramento o bluettatura”. Queste sono funghi microscopici, non danneggiano il legno e che non ne alterano in alcun modo la resistenza. Tale fenomeno, che compare specialmente durante lo stoccaggio del legno, può scomparire grazie all’azione di agenti atmosferici (quali la pioggia, il sole e il vento) oppure utilizzando uno straccio bagnato con acqua per strofinare e pulire la zona interessata del legno.

- Ossidazione: L’ossidazione scaturisce dalla decolorazione del prodotto dovuta all’azione dei raggi solari UV. Si può evitare coprendo il prodotto, prima della sua posa o installazione, con pittura o vernice a base d’acqua per il legno. Lo scopo chiaramente è quello di ottenere un filtro contro l’azione dei raggi UV.

- Resina: Durante il trattamento in autoclave dei legni cosiddetti resinosi (come l’abete, il pino silvestre, etc.) la pressione può far provocare la fuoriuscita di resina sulla loro superifcie. E’ sufficiente rimuoverla attraverso una spatola o un’essenza di trementina.

 

IL LEGNO DI LARICE

Il legno di larice è un legno di conifere come il pino ma molto più robusto e duraturo, per questo motivo non ha bisogno di alcun trattamento per essere utilizzato all'esterno. Inoltre il suo colore (marrone-rossiccio) risulta molto gradevole alla vista e molto spesso viene lasciato al naturale senza verniciature o colorazioni aggiuntive. Unico neo: l'ossidazione del legno che con il passare del tempo tende ad ingrigirsi.

 

Legno robusto e duraturo

 

La durata media di un palo in larice va dai 15 ai 25 anni anche in presenza di forte umidità, infatti è ideale per le strutture e le pavimentazioni in zone marine o di montagna. I prezzi in media sono 50% superiori a quelli del pino ma se ,acquistati nelle zone di produzione (Nord-Est) e in grandi quantità, possono scendere notevolemente.

 

IL LEGNO DI CASTAGNO

Il legno di castagno è uno dei più conosciuti e diffusi per la realizzazione di pali e semilavorati da esterno, in quanto è uno dei legni più antichi utilizzati per queste lavorazioni. Il castagno è un legno "storico" italiano e ancora oggi la maggior parte è made in Italy. Presenta uno dei più bassi coefficienti di dilatazione, è molto duraturo e resistente all'umidità senza alcun bisogno di trattamento. La sua venatura e durevolezza lo rende difficile da lavorare e la forma irregolare della pianta fan si che vengano messi sul mercato sommariamente scortecciati.

 

Adatto ad uso esterno inattaccabile da agenti atmosferici

 

Sul prezzo del palo in castagno va ad incidere molto il fatto che siano scortecciati e selezionati più dritti possibile, così come la zona di origine della pianta. Per esempio un palo  in legno di Castagno ø 8 x 200 cm, acquistato in grande quantità da un contadino in Nord Italia può avere un prezzo intorno ai 2-3 € al pezzo, ma sarà poco dritto e soprattutto molto meno duraturo all'esterno. Il prezzo per lo stesso tipo di palo raccolto in Sud Italia, selezionato e scortecciato meccanicamente ed essiccato all'aria  può superare  € 10 e al pezzo, quattro volte tanto. Molto dipende dalle esigenze ed aspettative personali.

 

LEGNO DI ROVERE

Il legno di rovere è impiegato soprattutto per la realizzazione di mobili e pavimenti, sarà quindi più raro riuscire a trovare sul mercato dei pali in rovere. In realtà il rovere è un ottimo legno da esterno, in particolare se di provenienza Russa o Scandinava e quindi cresciuto in ambienti estremi. Hanno massima durata (50 anni) senza bisogni di alcun trattamento o verniciatura. Inoltre il colore molto chiaro eprivo di nodi le rende perfette per staccionate e altre strutture.

 

Il roovere è il legno più resistente e solido

 

Unica avvertenza: questo legno nel primo periodo di esposizione allìesterno ha una forte fuoriuscita di tannino, che potrebbe macchiare di giallo le staffe in metallo che reggono i montanti di una staccionata. Basterà comunque pulire le staffe con un detergente dommestico per farle tornare come nuove. Come tutti i legni anche il Rovere è soggetto a fessurazione longitudinale e cambio di colore, che ovviamente non compromettono in alcun modo la  durata della nostra staccionata.

Il prezzo dei pali in Rovere è chiaramente più alto rispetto agli altri sopra elencati, in base alla bellezza e alle caratteristiche. Inoltre non riuscirai a trovarli in un brico qualunque ma solo in negozi professionali specializzati. E' il prodotto giusto per chi vuole investire su qualcosa che durerà a vita.

 

LEGNO DI ROBINIA - ACACIA

La robinia è un legno molto diffuso in Italia: tendono a deformarsi, sono difficili da lacorare e da essicare. Per questo sono utilizzati soprattutto nelle opere agrigole molto semplici, come sostegno di viti e coltivazioni, contenimento della terra ecc...

Il prezzo è molto variabile e difficilmente si trova nei negozi ma va cercato direttamente alla fonte presso un contadino o taglialegna.

 

I LEGNI TROPICALI

Questi legni sono molto costosi senza dare vantaggi veri e propri ma semplicemente un aspetto estetico migliore. Costano fino a 20 volte tanto rispetto agli altri tipi di legno. Per questo motivole produzioni si limitano a paletti squadrati utilizzati come sostegno per steccati e cancelli. Stanno man mano scomparendo dal mercato.